La democrazia al pallottoliere

E così, in questi giorni, mi sono ritrovato ad analizzare la situazione. Ad annusare l’aria, a vedere dove tira il vento, a sentire le variazioni di pressione nelle ossa. Anche se alla fine, essenzialmente, quello che ho fatto è stato contare.
Probabilmente intorno al 10 luglio si voterà la fiducia definitiva alla Camera dei Deputati sull’ormai celeberrimo ddl sulle intercettazioni. Dopo il passaggio al senato (poco più che una formalità) il decreto vola alla Camera dove le pressioni dei vari Alfano, Gasparri e compagnia cantante mirano a far approvare il decreto prima della pausa estiva: le prime date di cui si è sentita voce sono il 9 o il 10 luglio. Quali siano poi le motivazioni dell’urgenza (glissando su quelle del decreto), va al di là della mia comprensione. Perché un decreto così discusso non può avere un iter più sereno, e dev’essere approvato prima dell’estate non si sa. Forse il premier, alla prima estate da single dopo diversi anni, vuole farsi le sue scappatelle estive in santa pace. O forse la norma transitoria retroattiva (quella che salva chi è sotto processo ora) serve per salvare il poltronato deretano di qualche accolito. O forse un diversivo come i Mondiali di Calcio (che, guarda caso, finiscono l’11 luglio) “non capita tutti i giorni”, come diceva qualcuno parlando dei terremoti.Chissà…
Ma torniamo al punto. Anzi, ai punti. Perché la prossima votazione rischia di essere (o almeno, diciamocelo, lo spero) uno scontro deciso ai punti.
I numeri appaiono relativamente solidi per la maggioranza: tra PdL e Lega si arriva a 331, mentre IDV, PD e UDC arrivano a 269. C’è però da considerare il gruppo misto, costituito da altri 30 deputati, dai cui principali sottogruppi (API, PLI, MPA) sono uscite voci contrarie al decreto. Contando (ottimisticamente) anche loro si arriva a 299 contro 331.
Il margine appare ancora ampio ma anche nella maggioranza questo decreto ha provocato più di un mal di pancia, e non si parla solo del principale esponente dello schieramento avversario al principale esponente dello schieramento avversario, cioè Fini. Ho letto lamentele persino dei leghisti. Già, lamentele addirittura dai leghisti: quelli che in cambio del federalismo prenderebbero a bastonate il padre e la madre (anche perché spesso sono pure terroni).
Quindi facciamo un po’ di conti: quando si vociferava della “corrente” di Fini, la si quantificava in una ventina di deputati. Che volendo sarebbe già sufficiente a ribaltare l’esito del voto. Se si sommano altri possibili dissidenti il pericolo si fa ancora più tangibile.
Resta da capire la reale posizione di Fini e del resto della maggioranza. Il clima indubbiamente è teso, anche per altri motivi: la storia della cricca, che coinvolge i vertici del partito (come Verdini), leghisti ed ex-AN (anche non più fedeli a Fini) litigano un giorno si e uno no sull’Unità d’Italia o sulla Nazionale: sciocchezze che nascondo spaccature di principio molto più profonde. Quanto a Fini, tra un incontro con Casini e uno con Napolitano, tramite Farefuturo si è dichiarato molto poco contento del testo uscito dal senato, auspicando “modifiche” alla Camera. Auspici che si sono infranti sui granitici dinieghi in nome della celerità di Alfano & Co., che si lamentano di come il testo si stato cambiato troppo e guardano già a nuove riforme della giustizia in senso piduista (i.e. separazione delle carriere). Insomma sarà un mese interessante, in cui Fini proverà a far sentire il suo peso e se, com’è probabile, non sarà ascoltato si potrebbe arrivare al punto di rottura. Un mese interessante, dicevo. Che probabilmente trascorrerò a cercare di capire le intenzioni, a saggiare le reazioni, ad analizzare le dichiarazioni, e soprattutto a contare. Pallina bianca da una parte, pallina nera dall’altra. Perché è così che ormai misuriamo la nostra democrazia: al pallottoliere.

Annunci

~ di Gray su giugno 14, 2010.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: